Cinque secoli di arte tipografica

Il Museo Tipografico Rondani raccoglie macchinari e attrezzature tipografiche, preziose edizioni antiche e collezioni di manifesti devozionali illustrati e di rare matrici per stampa xilografica e calcografica, incisioni e stampe, serie di caratteri, documenti e cimeli vari concernenti l’arte tipografica a Carmagnola dal XVI al XX secolo.

Home

Il volto di Cristo

La prima traccia certa di un’attività di stampa a Carmagnola è data non da un libro, ma da un’incisione a bulino su rame, un Ecce Homo che reca l’iscrizione «Ieronimus Texis faciebat Carmagnolie» e la data 1561… Leggi tutto

Home

La stamperia del Bellone

Una tipografia cominciò ad operare in pianta stabile a Carmagnola a partire dal 1584, quando trasferì qui la propria attività Marc’Antonio Bellone, genovese di nascita e già tipografo a Torino dal 1581… Leggi tutto

Home

Il proclama del Santarosa

Coi torchi del Barbiè fu stampato nel 1821 uno dei primissimi atti del lungo e sanguinoso dramma della liberazione d’Italia dallo straniero e della sua indipendenza…. Leggi tutto

Home

Torino 1911 – L’Esposizione Internazionale delle Industrie e del Lavoro

L’Esposizione Internazionale delle Industrie e del Lavoro, la più grande manifestazione del genere che l’Italia unita avesse visto fino ad allora, fu allestita nel parco del Valentino, sede di tutte le esposizioni internazionali ospitate da Torino in precedenza…. Leggi tutto

Home

Il Museo Rondani nel 1921

L’allestimento originario del museo del 1921 prese forma al primo piano della casa dei Rondani in via Santorre di Santa Rosa, direttamente sopra della tipografia di famiglia. Oltre allo storico torchio ligneo che stampò un secolo prima il proclama del Santa Rosa… Leggi tutto

INAUGURAZIONE

10 aprile 1921

I figli di Giuseppe Rondani, Vincenzo e Giacomo, realizzarono il museo a partire dal materiale raccolto dal padre.

PASSAGGIO

XXX

Alla morte dell’ultimo Rondani, passò in eredità all’Opera Pia “Lorenzo Cavalli” di Carmagnola.

RIAPERTURA

Aprile 1997

il Museo Tipografico Rondani fu riaperto al pubblico nell’aprile 1997, in occasione delle celebrazioni cittadine per i cinquecento anni della tipografia carmagnolese.

SEDE ORIGINARIA

ANNO 2003

Dopo aver avuto sede per qualche anno (1997-2003) nel palazzo settecentesco sede dell’Opera Pia Cavalli, ora il museo ha ritrovato la sua collocazione originaria in via Santorre di Santarosa.

Dai Rondani all’Opera Pia Cavalli

I materiali esposti nel museo sono stati raccolti a partire dal 1888 da Giuseppe Rondani, all’epoca proprietario della tipografia carmagnolese da lui denominata “Scolastica”. Da questo primo nucleo, successivamente ampliato, i figli del Rondani, Vincenzo e Giacomo, realizzarono il museo che fu inaugurato il 10 aprile 1921.

Per qualche anno il museo affiancò la tipografia e poi, alla morte dell’ultimo Rondani, passò in eredità all’Opera Pia “Lorenzo Cavalli” di Carmagnola. Dopo varie vicissitudini, che portarono alla chiusura e alla dispersione di molti dei suoi beni, il Museo Tipografico Rondani fu riaperto al pubblico nell’aprile 1997, in occasione delle celebrazioni cittadine per i cinquecento anni della tipografia carmagnolese.

Dopo aver avuto sede per qualche anno (1997-2003) nel palazzo settecentesco sede dell’Opera Pia Cavalli, ora il museo ha ritrovato la sua collocazione originaria in via Santorre di Santarosa, dove i Rondani avevano casa e bottega, nei locali di quella che è stata fino all’anno 2000 l’ultima sede della Tipografia Scolastica.

Nel frattempo è proseguita l’opera di acquisizione di documenti e reperti concernenti l’attività tipografica a Carmagnola, principalmente di edizioni carmagnolesi, reperite presso librerie antiquarie e privati, ma anche di arredi e di macchinari da stampa. Recenti sono i restauri di alcune serie di matrici xilografiche, di tutte le cinquecentine, di diversi volumi del Sei e Settecento, di un centinaio di manifesti religiosi e civili.

Nonostante le nuove acquisizioni, il museo attuale non è venuto meno alla specializzazione originaria, i materiali esposti sono, infatti, di provenienza carmagnolese, con l’eccezione di pochi arredi.

Il Museo Tipografico Rondani è tuttora di proprietà dell’Opera Pia «Lorenzo Cavalli» di Carmagnola; allestimento e gestione sono a cura del Centro Studi Carmagnolesi. Le attività di laboratorio sono curate dall’Associazione Museinsieme.

Direttore del Museo: Gianni Zunino

Orari

Dal 1° aprile al 30 settembre
(luglio e agosto esclusi):
• sabato e domenica
ore 15-18
• ogni seconda domenica del mese
ore 10-12 e 15-18
• giorni e orari diversi su prenotazione

Biglietti

INTERO € 2,00

RIDOTTO € 1,00

Gratuito con
Abbonamento Musei

Info

tel: 011.9715582

cell: 3338894508

e-mail:

centrostudicarma@libero.it

tipograficorondani@libero.it

Home

L’Allestimento

Il percorso espositivo segue criteri cronologici di massima e si snoda attraverso quattro sale. Una quinta sala, utilizzata per le attività di laboratorio, si trova al piano inferiore.

Torchi, macchinari, vetrine, banconi, attrezzature e arredi sono accompagnati da una serie di pannelli che guidano il visitatore. La ricostruzione di un ambiente di lavoro consente di calarsi nell’attività quotidiana di un tipografo di qualche anno fa.

Procedendo nella visita, si ripercorre l’evoluzione delle macchine da stampa, dal primo torchio ligneo a vite ai torchi in ferro e ghisa dell’Ottocento, a una grande piano-cilindrica Koenig & Bauer del 1880, a una più semplice pedalina, per finire con una platina automatica Heidelberg degli anni ’50.

Vuoi prenotare una visita?

OFFERTA DIDATTICA

Proponiamo attività per ragazzi al fine di avvicinarli alla storia della tipografia e al suo funzionamento, tramite sperimentazioni pratiche di prove di stampa tipografia, xilografica, produzione della carta…

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Non leggibile? Cambia il testo. captcha txt